Recensione Perché ci sei tu – Serie Collide #2 di Gail McHugh

Trama

Come si fa ad andare avanti quando hai il cuore a pezzi, quando ti sembra che vivere senza l’uomo che ami non abbia alcun senso? Quando ogni respiro è un dolore costante? Emily Cooper non riesce a non pensare a quello che ha perso, a quanto è vuota la sua esistenza senza Gavin. Nessuna distrazione è efficace: l’unica cosa che può fare è andarlo a cercare e sperare che lui voglia perdonarla. Emily è disposta a rischiare tutto quello che ha per riprendersi Gavin, l’uomo che ha consumato i suoi pensieri e i suoi sogni sin dal loro primo incontro. Ma Gavin è pronto a tornare da Emily? La scintilla di un amore che non conosce confini scatterà ancora una volta? O le cicatrici del passato sono ormai troppo profonde? Il destino, che può cambiare le carte in tavola quando gli pare, riuscirà a riparare quella strada così dissestata che si sono ritrovati a percorrere? Solo il tempo potrà dirlo…

  1. Stringimi più che puoi (Serie Collide #1)
  2. Perché ci sei tu (Serie Collide #2)

Recensione

“Voglio infrangere le regole con te. Baciarti appassionatamente ogni giorno. Farti sorridere quando stai per piangere. Non voglio ci siano rimpianti fra noi. Voglio che ridiamo insieme fino a non riuscire più a respirare e ad avere mal di pancia. Nessun uomo ti amerà mai quanto ti amo io, Emily. Sei tu. L’unica. Per sempre”

collide2Il primo libro non mi aveva entusiasmata così tanto nonostante le recensioni fossero molto positive, ma ho deciso comunque, giusto per chiudere la serie, di leggere anche Perché ci sei tu che purtroppo non si è rivelato un granché. Avevamo lasciato Emily disperata e in lacrime dopo la scenata di Gavin alla festa prematrimoniale e soprattutto dopo che il suo “perfetto” fidanzato si è rivelato un violento senza scrupoli. Il secondo volume della serie riparte proprio dal momento in cui Emily lascia la casa di Dillon e corre verso l’attico di Gavin per cercare di salvare il salvabile, ma una volta giunta a casa sua, Emily non riesce a trovarlo da nessuna parte e non riesce neanche a mettersi in contatto con lui con il cellulare. In realtà Gavin non sa che Emily ha lasciato Dillon e ha annullato il matrimonio, e preso dallo sconforto di sapere che la sua anima gemella ha deciso di scegliere un altro uomo, parte per il Messico per una “vacanza”o per meglio dire, una “fuga dal mondo”. La mattina successiva a tutti questi eventi, Emily affronta Dillon confessandogli l’amore per Gavin e l’annullamento delle nozze. La sua reazione è, come già previsto, violenta e rabbiosa, tanto che sarà necessario l’intervento della polizia e dei sanitari per controllare alcune ferite inferte ad Emily. Insomma, una partenza di libro abbastanza movimentata che però purtroppo si arresta subito trasformandosi in un libro eccessivamente melenso dal momento in cui Emily raggiunge Gavin in Messico e decidono di ripartire da zero lasciandosi alle spalle i drammi affrontati negli ultimi. Niente potrebbe andare meglio: Emily e Gavin sono felici e innamorati, Dillon è fuori dai giochi e il futuro sembra ogni giorno più roseo… fino alla sconvolgente scoperta di una gravidanza. Il periodo del concepimento tiene in ballo sia Gavin che Dillon e l’unico modo per verificare la paternità è fare un esame invasivo che metterebbe a rischio il bambino, oppure aspettare e portare a termine il parto occupandosi successivamente della questione. La seconda opzione sembra la migliore, ma secondo voi Dillon si fa da parte? O cercherà in ogni modo di rendere complicata la situazione? Naturalmente la seconda!

03954167672d90bad84dd92902f34492Arrivata alla fine della serie, vi confermo che Collide non è per niente un capolavoro. E’ abbastanza scorrevole e alla fine si legge in pochi giorni, ma ci sono tanti, tantissimi difetti. Partiamo dal personaggio di Emily che mi ha fatto andare su tutte le furie in Stringimi più che puoi: in questo secondo romanzo migliora abbastanza, anche se per i miei gusti rimane sempre troppo fragile. Non riesce a prendere una decisione, non sa difendersi ed è ripetitiva a livelli incredibili. Gavin, che già apprezzavo, mantiene il suo fascino e la sua sensualità anche quando si comporta da fidanzato premuroso e innamorato, ma vi dico subito che i dialoghi tra i due protagonisti vi faranno salire il diabete alle stelle. Non mi è piaciuto per niente neanche il fatto che la parte di Dillon sia ridotta all’osso. Intendiamoci, non mi piace per niente come personaggio, ma dato che nel primo libro aveva largo spazio di manovra, non vedo perché non proseguire un po’ con questo personaggio cattivo che mette un po’ di pepe in tutta la storia. Tutto sommato purtroppo vi devo dire che non ve lo consiglio e che in alcuni tratti, soprattutto sul finale, l’ho trovato un po’ noioso. Meno male che al capitolo 18 l’autrice ha pensato bene di farci venire per un attimo un attacco di cuore che ha catturato la mia attenzione! A presto!

Non posso prometterti che sarà tutto rose e fiori, perché io e te litighiamo piuttosto bene. Ma sono abbastanza sicuro che non sarà nemmeno un film dell’orrore, visto che ci amiamo ancora meglio. Quello che posso prometterti è che sarai sempre più importante per me del mio prossimo respiro e ti vorrò sempre al mio fianco. Te e nessun’altra”

VOTO: 5,5

SENSUALITA’: 10

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...