Recensione Un romanzo per amarti di Malia Delrai

Trama

“Vivere la passione non è un gioco, un corpo senz’anima non può bruciare,
perché il fuoco del desiderio si nutre dello spirito. Non c’è scampo.
La salvezza vive nell’abbandono,
e la voglia, nel cedere all’assoluta brama di provare quelle sensazioni.
Ma trovare il limite che rifugga il sentimento,
rende povero l’uomo, rende povero l’amore”.
Tutto comincia in una libreria su Largo Argentina, a Roma. Fuggire dalla realtà si può grazie ai libri, Diana lo sa bene, per questo trascorre le giornate lontana dalle preoccupazioni e immersa nelle sue amate letture di classici e romanzi d’amore. Leggere, per dimenticare, è diventato ormai parte di lei.
Daniel è uno scrittore affermato, impiega il tempo tra gli scaffali alla ricerca di ispirazione, e quando vede lei, la sua musa, seduta a leggere su un divanetto rosso, non riesce a resistere e si avvicina per parlarle.
Può l’amore avere la forma di un romanzo? Scrivere diventa l’ossessione dell’autore, che non può fare a meno di parlare di lei, la ragazza della libreria che lo ha affascinato. Deve fare qualcosa, conoscerla, scoprirla fino in fondo, e non potrà fare a meno di amarla.
Ma Diana come reagirà al sentimento che la vita le sta donando? Il passato per lei è stato duro, non riesce a capacitarsi che l’amore stia bussando alla sua porta. Riuscirà a vivere le emozioni senza farsi condizionare dalle paure? Si sa, il lieto fine è possibile solo nei libri romance e i cavalieri dall’armatura scintillante non esistono più in questo mondo.
Alle volte un romanzo può cambiare la vita. Una storia d’amore che ha come protagonisti uno scrittore e una lettrice, capace di toccare le corde di tutti gli amanti dei libri, ma soprattutto dell’amore vero.

Recensione

Un romanzo per amarti di Malia Delrai e Manuela Castaldo

Come sapete, della Delrai ho letto i primi due libri della serie Piacere Russo e li ho trovati del tutto tirati via, banali, degni di un’adolescente alle prime armi che non ha ancora capito che nella vita c’è altro oltre alla passione. Mi sono però imposta di non farmi condizionare da una storia scritta male e ho voluto darle un’altra possibilità con Un romanzo per amarti e devo dire che sono rimasta spiazzata e piacevolmente stupita. Sembra che i due romanzi siano stati scritti da due persone diverse e a dire il vero non ho ben capito come un’autrice così brava sia potuta regredire a scrivere un romanzetto scialbo come Potrei vivere di te. Partiamo da raccontare questa bella storia d’amore e poi facciamo tutte le considerazioni del caso: Diana è una giovane studentessa universitaria alle prese con il periodo più difficile della sua vita dopo che una malattia le ha portato via sua madre cinque mesi prima. Ha attraversato una fase depressiva importante che l’ha portata a isolarsi da tutto e da tutti, anche da suo padre che si è rifugiato nel lavoro per affrontare il dolore. L’unica forma di felicità di Diana è la lettura, l’immergersi in mondi fantastici e dimenticarsi per qualche ora la realtà circostante ed è proprio in libreria che conosce Daniel Paci: borioso, invadente e del tutto fuori luogo… o forse queste considerazioni sono dettate dall’amarezza di Diana che non trova più nessuno spiraglio di luce intorno a lei e nelle persone che la circondano. Grazie al doppio punto di vista scopriamo che per Daniel, scrittore di successo, in realtà l’incontro in libreria è la svolta che aspettava da tempo, la riconquista della sua vena creativa. Diana lo ispira, è la sua musa e destino vuole che proprio quella sera si incontrino nuovamente alla presentazione del suo nuovo romanzo. Quello che Daniel non si aspetta è che la timida e schiva Diana gli salti addosso coinvolgendolo in un bacio che gli provoca delle reazioni sopite da tempo. E neanche Diana sa spiegarsi cosa le succeda in presenza dello scrittore, lei non vuole legarsi a nessuno, non vuole soffrire per qualcuno che presto o tardi se ne andrà e la deluderà, ma non riesce a fare a meno di Daniel, della sua vena romantica da uomo d’altri tempi, della sicurezza che le fa provare e della sensazione di vita che prova quando sta con lui. Diana si sente quasi felice e non pensava che sarebbe più successo. Ma le paure sono difficili da affrontare e solo una grande forza di volontà e la tenacia di Daniel riusciranno a tirare fuori la sua musa dal buio in cui si è rinchiusa per non affrontare il dolore.Un romanzo per amarti di Malia Delrai

Non capisco proprio come l’autrice sia riuscita a passare da un romanzo così ben scritto, maturo e coinvolgente a dei romanzetti erotici di bassa lega dai protagonisti irreali e stereotipati. Proprio non me lo spiego. Comunque, parliamo di Un romanzo per amarti: ho apprezzato tantissimo i protagonisti che sono assolutamente comuni e in cui tutti possiamo immedesimarci. Daniel è un uomo d’altri tempi che ha avuto la fortuna di far diventare la sua passione un lavoro, un uomo che tutte possiamo incontrare e non il classico maschio alpha totalmente irreale con il fisico scolpito e la personalità da dominatore sadomaso. Diana è proprio l’elemento che mancava nella sua vita prestabilita, è l’incognita che lo spinge ad uscire dal circolo vizioso di lavoro-lavoro-lavoro in cui si era infilato. La loro storia non si svolge secondo le tempistiche classiche di una relazione, è concentrata in poco più di una settimana, ma devo ammettere che non stona per niente. Mi è piaciuto molto inoltre che il romanzo non si limiti a descrivere solo una relazione, ma che tocchi altri argomenti come la depressione di Diana e la “cura” attraverso la scrittura. Devo sottolineare però anche un paio di cose che secondo me potrebbero essere migliorate: il romanzo risulta un po’ statico visto che più della metà si svolge solo in casa di Daniel, avrei preferito che i loro cinque giorni insieme prevedessero anche qualche uscita nel mondo reale e non solo il rapporto nato tra quelle quattro mura. Da migliorare anche le storie dei personaggi secondari: Giulia, Silla, Lara e la madre di Daniel, le cui vicende vengono appena accennate rimanendo molto superficiali. Nel complesso ve lo consiglio assolutamente e incrocio le dita perché l’autrice torni sui suoi passi con Piacere Russo e ritrovi finalmente lo stile giusto.

VOTO: 8,5

SENSUALITA’: 7,5

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...