Recensione Buio – La trilogia delle bugie #2 di Elisa Gentile

Trama

Jayden e Selvaggia: due anime che si sono incontrate in un caldo pomeriggio di inizio estate. Un amore dolce e innocente, scoppiato in una passione travolgente. Tutto sembra perfetto, dall’angolo di Paradiso che Selvaggia crede di aver ottenuto. Lei è cresciuta accanto a Jade, ha imparato ad amarlo, non vede altri che lui. 
Questo le impedisce di notare le sfumature velate che ombreggiano tutto, che nascondono chi davvero è Jayden. 
Il suo passato è tornato prepotente, e lei sta per esserne investita come se fosse un treno in corsa. 
Inghiottito dal più feroce degli incubi, Jayden fa una scelta, condannando Selvaggia a un’infelicità totale, che porta i segni di un amore incondizionato; persa e sola, la ragazza scopre di essere incinta. 
Ma accade qualcosa, che devasta tutto e cancella due anni di quello che lei credeva fosse amore. Jayden si rivela per quello che è, un mostro senza ritegno, che la distrugge e la massacra, senza esclusione di colpi. 
Quanto può sopportare Selvaggia, prima che il burrone che per tanti anni ha tentato di evitare la inghiottisca? E cosa succede, quando chi credi ti ama davvero, ti spinge giù, fino a schiantarti al suolo? 
Selvaggia sta per scoprirlo. Nel peggiore dei modi.

  1. Non meriti un minuto in più del mio amore (La trilogia delle bugie #1)
  2. Ancora inedito – Buio (La trilogia delle bugie #2)
  3. Ancora inedito – Luce (La trilogia delle bugie #3)

Recensione

La trilogia delle bugie 2

Il racconto riprende due anni dopo l’incontro a Central Park tra Selvaggia e Jayden. In apparenza sembra che tutto sia perfetto, Selvaggia si è lasciata andare, ha dato fiducia a Jayden e sta vivendo una storia totalizzante e appagante… Jayden invece fa quello che gli riesce meglio: mentire. Sì perché Monya è tutt’altro che sparita dalla sua vita, anzi, giorno dopo giorno prende sempre più spazio arrivando a piantare di nuovo gli artigli su di lui. Lui che non riesce a ribellarsi, lui che mente costantemente a Selvaggia perché non può allontanare Monya, lui che la tradisce sistematicamente buttando al vento tutto ciò che Jayden e Selvaggia hanno costruito. Questo secondo volume è angosciante, non riesco a trovare un aggettivo migliore, ti aspetti sempre che Selvaggia finalmente apra gli occhi e si renda conto che accanto ha un bastardo traditore e invece niente, vanno avanti fino a logorarsi. Jayden in questo secondo volume dà il peggio di se stesso e la sua incapacità di reagire e di prendere una decisione definitiva tra Monya e Selvaggia lo porta ad oscurare quei pochi lati positivi che lo avevano contraddistinto nel primo romanzo. Mi ha fatto veramente ribollire il sangue, avrei voluto prenderlo a schiaffi!

La prima parte del libro è quindi incentrata su Jayden che tiene i piedi in due staffe portando avanti la storia con Selvaggia molto più sicura di sé e molto meno bambina rispetto al primo libro, e Monya che invece è l’esatto opposto e sotto molti punti di vista molto più simile a Jayden: sprezzante, sicura della sua sensualità, manipolatrice e una bugiarda nata. Le scene di tradimenti e bugie si susseguono una dietro l’altra e aspetti solo il momento in cui tutto il castello di menzogne comincia a crollare, e lo fa nel modo peggiore facendo aprire gli occhi a Selvaggia sulla cattiveria di Jayden, gettando il dubbio che il loro amore fosse solo una farsa dall’inizio alla fine. Ma proprio quando credi che sia successo il peggio, ecco che Gentile scarica un’altra bomba sulla povera Selvaggia: una gravidanza. Forse però c’è ancora la possibilità che Jayden torni sui suoi passi, che si renda conto di cosa sta buttando via, e cominci a sperare che un barlume della sua dolcezza spunti di nuovo fuori. E invece ti ritrovi un’altra volta a bocca aperta e questa volta sai che non c’è più ritorno perché del Jayden che conoscevamo non c’è più niente, è stato plagiato dalle menzogne di Monya che lo ha convinto, attraverso delle foto contraffatte, che Selvaggia non sia la ragazza innocente che ha conosciuto in questi anni, e che in realtà lo ha tradito più e più volte nel corso degli anni, proprio come testimoniano quelle foto. L’odio lo acceca e lo porta a comportarsi come il più spregevole degli individui: violento, cattivo, cinico e meschino. Ma quanto può resistere Selvaggia? Può solo aggrapparsi con forza alla sua bambina che sta crescendo e che le dà la forza di andare avanti e sperare… ma le cose per Selvaggia non saranno mai così semplici e una tragedia segnerà forse il punto di non ritorno.Buio - Elisa Gentile

Ripeto: angosciante. Questo libro mi ha scombussolata, mi ha lasciata senza parole e profondamente amareggiata. In questo secondo volume non c’è traccia di amore e rispetto per nessuno, né per Selvaggia che si trova a vivere il momento peggiore di tutta la sua vita affrontando da sola uno scandalo mediatico, un tradimento e una gravidanza, né per la famiglia di Jayden che si trova ancora una volta a combattere contro Jay e i suoi colpi di testa. Ho apprezzato tantissimo la figura di Amelia che si trasforma nella mamma che Selvaggia non ha mai avuto, e che, insieme a Mr. e Mrs.Stewart e Zayn si fanno carico delle esigenze della piccola Gioia e di Selvaggia additata dal mondo interno come una poco di buono. Mi è piaciuto questo secondo volume, mi ha emozionata, mi ha fatto piangere e mi ha strappato il cuore in due. Forse, a differenza di Non meriti un minuto in più del mio amore, è in alcuni tratti un po’ troppo ripetitivo, ma rimane comunque un romanzo straordinario per la sua unicità.

VOTO: 9,5

SENSUALITA’: 10

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...