Recensione Mi cercherai – Serie Le note della passione #2 di C.D. Reiss

Trama

Lei è giovane e piena di sogni, lui ricco e affascinante. Sembrava una storia già scritta, prevedibile. Ma il destino non aveva fatto i conti con il carattere forte e determinato di Monica. Se infatti, dopo le prime resistenze, lei ha accettato Jonathan come dominatore, è anche vero che le regole di quel gioco valgono soltanto tra le lenzuola. Perché nella vita quotidiana Monica ha un solo padrone: se stessa. E non ha intenzione di cedere il controllo della sua vita a qualcun altro né di rinunciare al sogno di sfondare nel mondo della musica. Eppure, in questo eccitante braccio di ferro, Monica ha scoperto aspetti di sé che non conosceva: Jonathan sa cosa vuole ancora prima che lei stessa se ne renda conto e si tiri indietro. Con lui si sente libera, ma non nel modo in cui gli altri potrebbero pensare. Quando gli è accanto, supera ogni controllo, ogni emozione, ogni limite. Dimentica qualsiasi inibizione lasciando emergere le sue paure, le fragilità più intime, debolezze di cui ha sempre negato l’esistenza. Il passato e il presente di entrambi riservano però ostacoli che potrebbero compromettere il loro futuro insieme. Monica è pronta a lottare, ma questa volta la determinazione potrebbe non bastare…

  1. Mi vorrai (Serie Le note della passione #1)
  2. Mi cercherai (Serie Le note della passione #2)
  3. Mi avrai (Serie Le note della passione #3)

Recensione

Le note della passione - Mi cercherai di CD Reiss

Abbiamo lasciato Jonathan e Monica alle prese con una relazione dominatore-sottomessa partita come puro svago e che in realtà si sta trasformando velocemente in qualcosa di più. A mettere i bastoni tra le ruote ai nostri protagonisti però ci si mette per prima la ex moglie di Jonathan, Jessica, decisa a riconquistarlo per un motivo che fino alla fine del romanzo rimane del tutto oscuro. Vendetta? Soldi? Non lo sappiamo. Non è da meno nemmeno l’ex fidanzato di Monica, Kevin, che non si capisce se abbia degli istinti omicidi nei suoi confronti (visto il ritrovamento di alcuni disegni violenti con Monica protagonista) o se invece sia intenzionato a riprendersela. Monica inoltre, sta ancora cercando di elaborare il lutto per la perdita della sua amica Gabby che ha avuto un incidente in acqua mentre era ubriaca. Tuttavia Monica sembra convinta di essere lei alla base della sofferenza della sua amica per aver accettato di registrare il brano senza la sua presenza e che l’incidente non sia del tutto casuale. La storia tra Jonathan e Monica non poteva nascere in un momento peggiore ed è difficile portare avanti un rapporto quando situazioni esterne fanno di tutto per distruggerlo. La goccia però che fa traboccare il vaso è la canzone scritta da Monica, Il collare, che viene immediatamente apprezzata dalla casa discografica ma che mette i protagonisti in una situazione del tutto compromettente e imbarazzante: Jonathan, già accusato dalla moglie di violenza e di praticare il sadomasochismo in un modo un po’ opinabile, con questa canzone si ritroverebbe messo sulla gogna alla mercé di tutti coloro che vogliono distruggerlo o ferirlo in qualche modo. E Monica si ritrova invece a dare il via alla sua carriera come una cantautrice di stampo sadomaso tanto in voga in questo periodo. Non era esattamente il suo obbiettivo. Tutti questi problemi li porteranno inevitabilmente ad allontanarsi. Come possono stare insieme sapendo di distruggersi a vicenda? Come possono sopravvivere quando loro per primo non sono sicuri di cosa vogliono dal loro rapporto?

C.D. Reis - Mi cercheraiIn questo secondo volume possiamo individuare tre fasi, la prima in cui Jonathan e Monica non riescono a stare due secondi senza mettersi le mani addosso e i loro dialoghi sono del tutto scarni e pieni zeppi di riferimenti sessuali. Insomma, proprio come nel primo romanzo, e soprattutto proprio il difetto che avrei voluto correggere. La seconda fase, l’allontanamento dei due protagonisti che finalmente parlano dell’impostazione che vorrebbero dare alla loro storia, alla loro vita e soprattutto parlano delle loro esperienze passate. Scopriamo molto sul passato di Jonathan e sulla sua personalità, anche grazie al doppio punto di vista che ci permette di conoscerlo meglio ed apprezzarlo di più rispetto a Mi vorrai. Terza e ultima parte, la presa di coscienza dei loro sentimenti e che non si può sempre scappare da ciò che ci fa paura solo perché sarà difficile affrontare il futuro, ma si deve combattere per ottenere la vita e il lavoro che si vuole, anche a costo di sacrificare un po’ di privacy e mettere a repentaglio le sicurezze costruite in precedenza. Come il primo volume, anche questo è scritto molto bene, le scene di sesso ben descritte anche se a mio avviso manca un po’ di “fare l’amore”, è tutto troppo trasgressivo facendo sì che i sentimenti si perdano un po’ per strada. Anche i personaggi mantengono il loro carattere forte, deciso e ironico che ho apprezzato molto, ma purtroppo è mancato qualcosa, forse un po’ di profondità data dalle scarse interazioni al di fuori del letto tra Jonathan e Monica. Arrivati a questo punto forse mi sarei aspettata qualcosa di più, ma nel complesso è un degno seguito del primo libro e con questo il finale da urlo possiamo solo sperare che il terzo romanzo esca a breve!

VOTO: 8,5

SENSUALITA’: 10

Annunci

One thought on “Recensione Mi cercherai – Serie Le note della passione #2 di C.D. Reiss

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...