Recensione Ho cambiato idea #2 – Serie Rich e Penny di Scarlett Edwards

Trama

Se due settimane fa mi avessero detto che mi sarei innamorata del mio aspirante rapitore, gli avrei riso in faccia.Eppure, eccomi qui oggi. Follemente, profondamente e perdutamente innamorata. Di Richard Blackthorne. Dell’uomo che mi aveva drogata e abbandonata… ma dello stesso uomo che poi era tornato per me.Nella mia vita a nessuno è mai importato un cazzo di me. Sono sempre stata sola, prima di conoscere Rich.Ora le cose stanno diversRich e Penny 2 di Scarlett Edwardsamente. Sono travolta da sentimenti che non avrei mai creduto possibili. Con Rich mi sento… viva. Viva e apprezzata.

Eppure, i dubbi avvelenano ancora i miei pensieri. Una relazione iniziata con una menzogna può portare alla felicità vera? Come faremo io e Rich a fuggire dai nostri inseguitori? Min sarà mai libera?

Mentre apro il mio cuore all’uomo che amo, il nostro reciproco affetto viene messo alla prova. In questo mondo torbido, gli amici diventano nemici ed i nemici amici. Ogni scelta che faccio comporta delle conseguenze per le persone che mi circondano. I segreti che nasconde Rich sono molto più profondi di quanto abbia mai lasciato intravedere. Quando nel nostro rapporto le incomprensioni iniziano ad affiorare, vengo messa di fronte alla domanda più importante di tutte: Rich ed io troveremo mai la pace che desidero così ardentemente?

  1. Ho cambiato idea (parte prima)
  2. Ho cambiato idea (parte seconda)

Recensione

Ho cambiato idea (parte seconda) Scarlett Edwards Serie Rich e Penny

Abbiamo lasciato Rich, Penny e Min insieme a tentare di trovare una soluzione per uscire dalla situazione in cui si sono cacciati. Penny decide di fidarsi di Rich che però la abbandona una seconda volta e parte per New York per cercare di scoprire dal padre dove si trovano i documenti che gli uomini che li inseguono stanno cercando. Naturalmente Penny non si lascia fermare e, insieme alla cognata, raggiunge Rich nella loro vecchia casa dove riescono a entrare in possesso di una penna USB che li aiuterà a afre un passo verso la risoluzione di tutto il problema che però è molto più ampio di quello che pensavano all’inizio.

Ribadisco quello che ho detto a proposito del primo libro, la Edwards avrebbe potuto tranquillamente scriverne uno soltanto e non due racconti divisi e ci avrebbe fatto senz’altro più bella figura perché a mio avviso, questo secondo volume è totalmente inutile. E’ banale e ripetitivo. Non ci perdo nemmeno troppo a recensirlo, vi dico la verità. E’ da leggere perché conclude la serie, ma non mi ha lasciato assolutamente niente. Peccato, perché tutti i libri che ho letto della Edwards mi hanno entusiasmata.

VOTO: 2

SENSUALITA’: 8

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...